venerdì, agosto 04, 2006

 
In effetti...

C'è stata grossa polemica qualche anno fa a Milano sulla opportunità di finanziare i lavori di restauro del Duomo anche tramite i ricavi della cartellonistica pubblicitaria.

Ai più sembrava sconveniente e un po' sacrilego che le mura esterne della casa del Signore andassero ad ospitare messaggi di comunicazione pubblicitaria.

Da qui, immagino, questo colpo di genio:





Immagino che a nessuno possa apparire insensato mostrare tra le guglie una foto di Madonna...

Comments:
orribile
 
E io che mi lamentavo che non mi commentano mai...
 
Ho letto un tuo vecchio post su palermo. Bello e vero.

ciao

giovedì, agosto 07, 2003

Palermo

L'arrivo
Piaccia o no, arrivare in aereo a Palermo è un'esperienza. Poco a poco, l'MD 80 Alitalia si abbassa, abbassa, abbassa, e dal finestrino continui a vedere soltanto mare e onde. Poi, proprio quando stai freneticamente cercando il giubbotto salvagente sotto il tuo sedile, sotto al carrello compare la pista, e in un secondo le ruote toccano il cemento.
Per riassumere, l'avvicinamento è assolutamente terrorizzante affascinante, con gli occhi persi in quel mare che sembra volerti inghottire abbracciare.

La città vista da un taxi
In istanti ravvicinati, Palermo appare bellissima - remore arabeggianti, contornate da palme e cactus (cactus!) - o ferita dalla speculazione deilizia, quella dei palazzoni creati nel nulla, delle caserme adibite a case popolari.
Ma l'architettura monumentale, ragazzi, è un qualcosa che resta negli occhi, se baciata dal sole di un caldo sole tramontante.

Particolarità
Ad un semaforo pedonale qualunque, gli autoctoni scattano con la foga dei centometristi di una finale olimpica. Il motivo? Chi arriva in auto e ha il verde per la svolta, imposta la curva e la esegue in un solo fluido movimento, fermandosi esclusivamente quando avverte la presenza di un corpo sotto l'anteriore sinistra...
E i clcson... adoro l'utilizzo che se ne fa nel capoluogo siciliano: nel solo viaggio di ritorno verso l'aeroporto, ho contato 17 (diciassette!) colpi di clacson del mio cocchiere.(*)

Il mare... ecco... il mare non è descrivibile: tutte le tonalità del blu, dell'azzurro, sapientemente miscelate dal più rande dei pittori. Che, poco soddisfatto, si è pure rivolto al migliore degli scultori, perchè abbellisse il tutto con rocce, scogli, isolotti. Paradiso.

E poi, per concludere... ho visto la casa più stretta del mondo (N.B. Non è un fotomontaggio)
 
Grazie Massimo; scrivo poco ultimamente, andare a rileggere qualche post vecchiotto mi emoziona un po'.

Grazie davvero.
 
triestino anche tu eh?
 
Hey Alf dove sei.

Io mi sto dando per dispersa ..

Mi stanno venendo i sensi di colpa per averti rapito a tradimento la sciarpetta e non aver messo neanche una foto da quando e` arrivata..
Sciarpetta quest'anno fara` capodanno a Milano,
e` stata in thailandia e ci ritornera l'anno venturo pure.. le foto arriveranno col tempo, che fretta c'e`? siamo giovani e lei pure..

a presto
Cri;-)
 
Keep up the good work »
 
Posta un commento



<< Home

This page is powered by Blogger. Isn't yours?